Capire il dolore

Artrosi: cause, sintomi e rimedi al dolore

Quali sono i sintomi dell’artrosi? Se per te è sempre più difficile aprire i barattoli della cucina o fare una passeggiata senza accusare dolore alle ginocchia, può essere che tu stia iniziando a soffrire di artrosi.

Scopri come identificare i sintomi dell’artrosi in modo da poterla controllare al meglio e tornare al più presto a fare tutte le cose che ami di più.

Ma cos’è l’artrosi? L’artrosi, anche nota come osteoartrosi, è una condizione molto comune che coinvolge le articolazioni. È una malattia degenerativa delle articolazioni che si verifica quando la cartilagine, ovvero una membrana resistente, morbida ed elastica che agisce da cuscinetto tra le ossa nelle articolazioni, si deteriora, riducendo così la protezione tra le ossa delle articolazioni che tendono quindi a sfregare l’una contro l’altra. Questo sfregamento delle ossa rende dolorosi i movimenti, può creare speroni ossei nella zona di attrito e provocare infiammazione. Inoltre, gli episodi di infiammazione possono riacutizzarsi (o ripetersi).

L’artrosi, in quanto malattia degenerativa, si sviluppa inevitabilmente con l’avanzare dell’età. È più probabile soffrire di artrosi se le articolazioni sono soggette a sforzo eccessivo o a movimenti ripetitivi per un periodo prolungato di tempo. Per esempio, un panettiere può soffrire di artrosi alle mani e un runner può soffrirne a livello di ginocchia. Può anche essere causata dal dover sostenere un eccessivo peso corporeo, che può portare a sforzi muscolari e a un sovraccarico a livello articolare.

Sarebbe bellissimo se si potesse ignorare il dolore, no? In realtà, non si dovrebbe mai ignorare il dolore, a qualunque età. Scopri di più sulle cause, sui sintomi e su cosa puoi fare riguardo l’artrosi.

Spiegare le osteoartriti

Sintomi dell’artrosi

Quali sono i segnali e i sintomi dell’artrosi? I sintomi dell’artrosi variano da persona a persona, in base alla gravità dell’artrosi e alla soglia individuale del dolore, perché non tutti vivono il dolore allo stesso modo. Infatti, per alcune persone l’artrosi è accompagnata solo da sintomi blandi che vanno e vengono, mentre per altre può essere fonte di un dolore costante i cui sintomi sono debilitanti.

Ci sono alcuni sintomi comuni dell’artrosi che possono aiutarti a identificare tale condizione.

I segni e i sintomi dell’artrosi includono:

  • Dolore alle articolazioni: il dolore articolare è il risultato della frizione e della conseguente infiammazione delle ossa dell’articolazione colpita da artrosi;
  • Rigidità mattutina: la rigidità e la conseguente difficoltà nell’alzarsi dal letto la mattina possono essere attribuiti all’artrosi. Con l’attività motoria, questo problema tende ad affievolirsi;
  • Infiammazione articolare: l’articolazione può apparire gonfia oltre che dolente e con lo svolgimento delle attività quotidiane può peggiorare alla fine della giornata;
  • Dolore articolare a seguito di movimenti ripetitivi: potresti sentire dolore durante o dopo un’attività ripetitiva;
  • Riduzione dell’ampiezza di movimento: quando le articolazioni colpite fanno male e si gonfiano, la loro flessibilità e l’ampiezza di movimento possono diminuire;
  • Crepitii o scricchiolii quando si piegano gli arti: se senti uno scricchiolio quando muovi le articolazioni, questo rumore potrebbe indicare una frizione ossea.

Quali articolazioni sono colpite dall’artrosi?

L’artrosi può colpire qualsiasi articolazione. Ad ogni modo è più probabile colpisca le piccole articolazioni delle mani, le anche, le ginocchia, il collo o la parte bassa della schiena.

I sintomi di un’artrosi grave non dovrebbero essere ignorati. Tra i sintomi più gravi ricordiamo la deformazione degli arti inferiori e la conseguente difficoltà di deambulazione e l’instabilità. I segnali di un’artrosi grave includono:

  • Sinovia infiammata: la membrana sinoviale è un tessuto morbido che delimita la superficie dell’articolazione (ad eccezione di quelle articolazioni che sono coperte dalla cartilagine). La sinovia si infiamma, rilasciando proteine ed enzimi che causano ulteriori infiammazioni e danni alla cartilagine;
  • Speroni ossei, conosciuti anche come osteofiti: come risultato della frizione causata dal deterioramento della cartilagine, l’osso nell’articolazione può formare degli ispessimenti. Tale crescita ossea, chiamata sperone o osteofita, si sviluppa all’estremità articolare dell’osso. Questo può portare situazioni di dolore cronico anche intenso;
  • Legamenti accorciati e muscoli deboli: i muscoli e i legamenti giocano un ruolo importante nella stabilità delle articolazioni e possono indebolirsi se l’articolazione soffre di artrosi;
  • Instabilità degli arti o cedimenti (per esempio instabilità alle ginocchia): può verificarsi instabilità articolare in quanto la funzionalità delle articolazioni è compromessa a causa dell’artrosi.

Se pensi di soffrire dei sintomi dell’artrosi grave, contatta un professionista sanitario per trovare il piano di trattamento più adatto ai tuoi bisogni.

Artrosi: cause scatenanti

L’artrosi è conosciuta come artrite da usura. La cartilagine agisce da ammortizzazione tra le ossa delle articolazioni e, con il passare degli anni, tende a logorarsi, soprattutto se le articolazioni devono sopportare un elevato peso corporeo. Più o meno come le ruote di una macchina che si consumano man mano che si percorrono i chilometri di una strada.

L’artrosi può essere causata da:

1. Usura associata all’invecchiamento
È una comune causa dell’artrosi. Un uso prolungato delle articolazioni causa il deterioramento della cartilagine e la conseguente frizione tra le ossa.

2. Sovrappeso
Un peso corporeo eccessivo può mettere a dura prova le articolazioni, portandole ad un deterioramento più veloce rispetto a quello che caratterizza le articolazioni di chi è normopeso.

3. Uso ripetitivo
L'uso ripetuto della stessa articolazione, che sia al lavoro, nello sport o per qualche hobby, mette sotto stress l'articolazione, portando eventualmente al deterioramento della cartilagine.

4. Lesioni
Una precedente lesione, come una rottura o uno strappo vicino all’articolazione, può accelerare l’insorgenza di artrosi anche dopo anni.

Fattori di rischio dell’artrosi

I fattori di rischio dell’artrosi, che possono aumentare la probabilità di sviluppo di tale condizione, includono:

1. Genetica: alcuni tipi di artrite possono essere genetici, quindi se i tuoi genitori, o anche i tuoi fratelli o sorelle, soffrono di questa condizione, anche tu potresti avere un alto rischio di svilupparla.

2. Età: più si invecchia, più è alta la probabilità di sviluppare l’artrosi. L’artrosi è infatti più comune tra coloro che hanno più di 65 anni. Ciò nonostante, tale disturbo può essere riscontrato anche in persone in età giovane-adulta, soprattutto se sono soggette alle condizioni descritte di seguito.

3. Sesso: le donne sono più a rischio rispetto agli uomini di sviluppare certi tipi di artrite, e l’artrosi.

4. Lesioni precedenti: se hai subito gravi lesioni ad un’articolazione, con il passare del tempo tale articolazione potrebbe sviluppare artrosi.

5. Obesità: un peso eccessivo mette sotto stress le articolazioni e può elevare il rischio di sviluppare l’artrosi.

6. Lavoro: se il tuo lavoro mette a lungo e ripetutamente sotto stress una particolare articolazione, per esempio se usi le mani tutto il giorno scrivendo al computer o tagliando i capelli, puoi essere più a rischio nello sviluppare l’artrosi a causa dell’uso eccessivo di quella determinata articolazione.

7. Deformazione delle ossa: se hai deformazioni scheletriche anche piccole (per esempio ginocchio valgo o varo) o una cartilagine difettosa dalla nascita, puoi essere più a rischio di sviluppare l’artrosi.

Diagnosi dell’artrosi

In caso di dolori lievi e occasionali, che potrebbero essere associati a un’artrosi iniziale, una semplice chiacchierata con un professionista sanitario può aiutarti a controllarli. Se il dolore è intenso o diventa persistente, dovresti consultare il tuo medico. Prima dell’appuntamento, dai un’occhiata al nostro articolo per capire come descrivere al meglio il dolore che provi.

L’artrosi può essere diagnosticata dal tuo dottore con una visita accurata ed eventuali esami specifici, come una radiografia, per vedere se l’osso ha cambiato forma o se sono presenti cisti ossee; potrà richiedere test di laboratorio o indirizzarti verso uno specialista per farti ottenere indicazioni più specifiche su come controllare l’artrosi.

Rimedi al dolore dell’artrosi

Cosa si può fare per l’artrosi? Gestire il dolore e ripristinare la funzione articolare sono fondamentali. Ecco alcune risorse utili per migliorare il movimento:

  • Esercizi per un sollievo dall’artrosi
  • Gestire il dolore: linee guida, tecniche e obiettivi
  • Gestire il peso per rimediare ai dolori

Scopri di più

Che cos’è l’infiammazione?

Scopri tutte le informazioni sui processi infiammatori, i motivi per cui si verificano e che effetti comportano sul tuo organismo.

Scopri di più

Che cos’è il dolore?

Impara a conoscere i motivi per cui il nostro organismo percepisce la sensazione di dolore e le numerose cause del dolore muscolo-scheletrico.

Scopri di più

Movimenti per alleviare il mal di schiena

Approfondisci i motivi per cui il movimento può essere uno dei modi migliori per alleviare il tuo mal di schiena e leggi alcuni consigli che ti permetteranno di essere più attivo.

Scopri di più